Doctor Who s10 (s36): l'ultima stagione di Moffat alle redini della serie, ultima di Capaldi come il dodicesimo (tredicesimo) Doctor.
C'è ancora, naturalmente, lo speciale natalizio ma, a tutti gli effetti, si può considerare concluso un ciclo. Un grosso ciclo. Non mi riferisco a Capaldi, che alla fine ha svolto le canoniche 3 stagioni come da nuova serie, ma a Moffat.
Indipendentemente da Capaldi, che è stato un ottimo Doctor ma ha pagato una certa contraddittorietà insita nella serie, le ultime stagioni del Doctor sono state in calo: non un calo verticale ma un trend certamente negativo. L'ultima stagione di Capaldi, questa di cui parliamo, è probabilmente la sua migliore ma, in generale, la qualità delle sceneggiature è scivolata.
Il Doctor ha un problema di identità: in UK la spacciano ancora come una serie per tutta la famiglia, se non addirittura mirata a un pubblico giovane, ma la realtà dei fatti la vede come un prodotto di nicchia per appassionati di speculative fiction.
Capaldi non è l'attore che vuoi scritturare se la tua serie deve avere appeal sulle generazioni più giovani e pop; Capaldi è l'attore che può offrirti grande recitazione e caratterizzazione, un'interpretazione più intima e complessa, dedicata e comprensibile solo a un pubblico più adulto.
Prima Davies, ora Moffat.
Il successore di Moffat, la persona incaricata dagli Studios di invertire questo trend negativo è Chris Chibnall... chi è? E' uno degli altri autori secondari interni alla serie. Speriamo abbia una visione chiara di cosa sia il personaggio.
Torniamo alla stagione: comincia fortissimo con 5 ottimi episodi uno dopo l'altro, molti a tinte horror. Viene introdotto la nuova companion, Bill Potts, e ripresentato Nardole dagli speciali con River.
Bill è certamente la migliore companion affiancata a Capaldi, funzionano immediatamente bene insieme... ma a dire il vero, penso che Nardole rubi quasi tutte le scene che lo vedono presente, praise Matt Lucas.
L'episodio 6 segna la boa di mezza stagione e il crollo narrativo: si apre e sviluppa la trama centrale, scopriamo chi è tenuto prigioniero nel vault sotto l'università.
I successivi 6 episodi servono solo a montare l'evento che porterà alla morte di Capaldi: questo è un altro grosso problema insito nella struttura del nuovo Doctor Who. L'ultima stagione di un attore, che grazie a internet è informazione nota fin da prima della messa in onda, può godere di alcuni episodi liberi da vincoli, ma è forzatamente incentrata sul mettere in piedi una minaccia sufficientemente grave da giustificare il sacrificio e la morte del Doctor.
E' troppo lampante, troppo palese: perde tutto il pathos.
Solo una scrittura davvero eccezionale potrebbe superare gli obblighi produttivi, sfortunatamente non abbia una scrittura davvero eccezionale qui.
Gli ultimi due episodi offrono la conclusione della stagione con un numero impressionante di fili narrativi non risolti, molti di più che in qualsiasi precedente avventura del Doctor.
Difficile dire se verranno in qualche modo sciolti durante lo speciale natalizio, o più semplicemente dimenticati.
I dati dichiarano che la s10 del Doctor abbia perso un terzo dei suoi spettatori tra il primo e l'ultimo episodio.
La BBC sarà difficilmente contenta: ancora non si sa chi sostituirà Capaldi. Ci sono molte voci, ma è certo... certo per me... che si tenterà di tornare indietro a un modello più giovane simile a Tennant.
SPOILER SPOILER SPOILER
Nella vault c'è Missy.
Il Doctor vuole convertire Missy al bene.
Negli ultimi 2 episodi ci sono Missy e il precedente Master: il secondo è irrimediabilmente malvagio, Missy mostra un pentimento finale ma è ignoto al Doctor, praticamente accade fuori scena ed è tragicissimo. E' anche, ufficialmente, l'ennesima morte del personaggio. Sostanzialmente, Missy e il Master si uccidono l'un l'altro negandosi la rigenerazione.
Mah... i personaggi del Doctor soffrono dello stesso problema delle morti nei fumetti.
I nemici di fine stagione sono i Cybermen: il Doctor muore per fermarli, senza però riuscire a fermarli.
A Nardole sono affitati gli umani sopravvissuti, Bill non muore perché viene salvata all'ultimo da un inaspettato deus ex-machina: Bill diventa l'ennesimo companion in giro per lo spazio.
Nel Doctor non muore più nessuno, chi muore non muore davvero.
Capaldi si rifiuta di rigenerare, vuole morire e basta. Il tardis lo porta a incontrare il First (chiaramente l'attore è morto, ma ne hanno trovato uno simile).
NOTA: me lo sono sognato o nei primi episodi c'era un accenno a un qualche misterioso legame passato tra la madre di Bill e il Doctor?