The Babadook: film horror australiano con aspirazioni cult. Apprezzatissimo dalla critica. La Convivente non l'ha apprezzato, non si è quasi mai spaventata (e ci vuole molto poco); io ho trovato una parte centrale molto 'interessante', preceduta e conclusa da fuffa.
Madre vedova con figlia traumatizzato, essenzialmente uno spacca coglioni.
Lei soffre d'insonnia ma cerca di farcela; il figlio soffre d'ansia, scatti d'ira, ossessione/terrore dei mostri, urla isteriche.
L'inizio ti lascia un po' così, più da dramma psicologico che da horror; a metà, un po' per la bravura dell'attrice, un po' grazie all'ottima composizione/sceneggiatura, il quadro generale diventa vividissimo: la discesa nella follia/disperazione della madre, il suo odio sempre più mal celato verso il figlio... uno di quei bambini da urla folli nel supermercato a cui rovesceresti uno scaffale addosso.
Il Babadook del titolo è il personaggio di un libro per bambini, inquietante libro per bambini.
Il film non spiega. Cosa sia, chi sia, cosa faccia, perché lo faccia, etc etc. Niente viene spiegato.
Il finale è sorprendente ma assolutamente senza senso.
SPOILER SPOILER SPOILER
In pratica l'amore vince e il Babadook viene sconfitto ma, secondo il libro, non si può realmente sconfiggere il Babadook così madre e figlio insieme decidono di 'addomesticarlo' e lo tengono a vivere con sé nello scantinato.
FINE SPOILER FINE SPOILER
Ha senso? No. Potrebbe averlo se qualcosa venisse spiegato. Non è così, quindi buuuu.